“VOGLIA DI SCOPRIRE, RAPIDITÀ E DISPONIBILITÀ”



I consigli di Stefano Totaro agli aspiranti giornalisti



di Rebecca Zanoli



Modena, 23 gennaio 2018

Stefano Totaro, giornalista di cronaca nera della Gazzetta di Modena, è disposto a svelarci alcuni dei segreti del suo mestiere.
Quali sono i requisiti di un buon giornalista? Come fa a ricavare ed elaborare le informazioni?
“Per prima cosa questo lavoro richiede passione e curiosità, soltanto con la voglia di scoprire si può arrivare a conclusioni soddisfacenti. Bisogna poi prepararsi ad orari variabili, soprattutto in serata, quando una notizia dell’ultimo momento ci può trattenere in ufficio a scrivere un articolo anche dopo la mezzanotte. Questo perché una notizia qualche giorno più tardi può già essere superata e non più di rilievo. La cronaca nera in particolare si occupa di un campo nel quale le somme possono essere tirate soltanto alla fine della giornata e con estrema velocità. La mattina si effettua “un’ispezione” di quelle che sono le fonti sicure, come la polizia, i carabinieri e gli ospedali”
Le fonti ‘sicure’ raccontano sempre la verità?
“Non sempre, a volte parte della verità viene omessa per non mettere in uno stato di allerta la cittadinanza, anche le fonti sicure nascondono informazioni a livello ufficiale. Se, ipoteticamente, avvenissero tredici furti in una settimana noi saremo praticamente gli ultimi a saperlo. Questo non vuole però dire che non possiamo fidarci, come popolazione, della polizia o di qualunque altra istituzione pubblica. Le informazioni che vengono ricavate vengono rielaborate in articoli, che andranno a comporre una bozza di pagina di giornale. Infine stampate, intorno all’una di notte”
Un consiglio per noi futuri giornalisti ?
“Sicuramente quello di non perdere mai la voglia di conoscere cose nuove, e di sperimentare”.