GABRIELE CLIMA, un autore, una storia.


di Elisa Levratti

"Ho deciso di scrivere libri per ragazzi perché loro non fanno sconti."
Il 20 Aprile Gabriele Clima, scrittore di libri per bambini e ragazzi, arriva alle scuole Lanfranco per raccontare le storie che si nascondono dietro ai suoi libri.
Gli alunni di diverse classi hanno potuto porre domande riguardanti Continua a camminare, un romanzo che parla della guerra in Siria attraverso gli sguardi e le emozioni di due diversi ragazzi, Salim e Fatma, dietro ai quali si nascondono Abu Malek e Spozhmay, persone reali alle cui storie l'autore si è ispirato.
Perché all'inizio di ogni capitolo ha deciso di inserire una poesia?
"In realtà non hanno un vero significato, sono perle sparse, sono cose belle. Sono le cornici di un quadro fatte da un orafo certosino, rendendo il quadro più bello."
Quali emozioni prova mentre scrive?
"Provo le stesse emozioni che provano Salim e Fatma. Sento la loro paura, sento la loro voglia di scappare in un paese più sicuro, senza la guerra. Con le loro storie voglio raccontare come vivono, ragazzi della loro età, nel mezzo di una guerra."
Chi è il suo personaggio preferito?
"Di sicuro Fatma. Fatma perché lei ha coraggio e si mette in gioco. Ha l'audacia di opporsi contro suo padre e suo fratello che credono che le donne siano meno importanti degli uomini."
Chi è la prima persona che legge i suoi libri?
"Nicoletta, mia moglie. Faccio leggere prima a lei perché è come i ragazzi, senza remore nel fare critiche necessarie. Se qualche sequenza narrativa è brutta lei lo dice. Tengo sempre conto della sua opinione, perché il lettore è di gran lunga più importante dello scrittore. Senza persone che leggono i propri libri gli scrittori non sono nessuno."
Ha mai il blocco dello scrittore?
"Sinceramente no. Non ho mai avuto il blocco dello scrittore, anzi, scrivo troppi libri contemporaneamente. In questo momento ne sto scrivendo tre"
Perchè fa tutti questi incontri con i ragazzi?
"Perché voi ragazzi siete più fighi di noi adulti.Voi sapete mettervi in gioco. Gli adulti credono di non dover più crescere, quindi smettono di essere coraggiosi; Voi siete ragazzi, avete voglia di scoprire il mondo. Per questo faccio incontri con voi."
A che genere appartiene "Continua a camminare" secondo lei?
"Non lo so. Continua a camminare non ha un genere. Alcuni lo definiscono come un romanzo di formazione. Io credo che non abbia un vero e proprio genere letterario."
Tra tutti i libri che ha scritto, quale è il suo preferito?
"Non ho un libro preferito; è come chiedere a un genitore quale figlio ama di più. Tutti i miei libri sono come miei figli, non posso paragonarli e sceglierne uno solo."





Alcuni momenti dell'incontro con Gabriele Clima